Scopri
Bertinoro
Personaggi Illustri

Torna indietro Ricerca

Francesca da Polenta

Grazie a Dante noi tutti oggi conosciamo la tragica storia di Francesca Da Polenta molto più nota come “Francesca da Rimini”, così chiamata a seguito del suo matrimonio.

Nel 1275 Guido Minore Da Polenta, allora signore di Ravenna e Cervia, diede in sposa la figlia Francesca a Giovanni Malatesta, detto anche Gianciotto per via del suo essere zoppo. Guido intendeva rafforzare la loro amicizia politica. Da questo matrimonio ebbe origine la tragedia che Dante rese celebre nel V Canto dell’Inferno che tutti conoscono come il Canto di “Paolo e Francesca”. Francesca nata intorno al 1260, nel periodo in cui i due Guidi operavano prevalentemente a Ravenna, ha certamente soggiornato a Polenta perché la rapida ascesa politica che vedeva i Da Polenta protagonisti attirava odi e invidie, pericoli di ritorsioni e vendette e a Polenta si sentivano davvero più sicuri.

E proprio a Polenta, presso la millenaria Pieve di San Donato, Giosué Carducci racconta che Francesca “temprava gli ardenti occhi al riso”.

Un mitico cipresso in nome di Francesca ancora oggi sorge su uno dei poggi nei pressi di Polenta. L'albero originale, distrutto da un fulmine, fu sostituito da un nuovo cipresso che piantò lo stesso Carducci nel 1897

Ed ecco il famoso tratto del Canto V dell'Inferno:

Poscia ch’io ebbi il mio dottore udito
nomar le donne antiche e ’ cavalieri,
pietà mi giunse, e fui quasi smarrito. 72

I’ cominciai: «Poeta, volontieri
parlerei a quei due che ’nsieme vanno,
e paion sì al vento esser leggeri». 75

Ed elli a me: «Vedrai quando saranno
più presso a noi; e tu allor li priega
per quello amor che i mena, ed ei verranno». 78

Sì tosto come il vento a noi li piega,
mossi la voce: «O anime affannate,
venite a noi parlar, s’altri nol niega!». 81

Quali colombe dal disio chiamate
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere dal voler portate; 84

cotali uscir de la schiera ov’è Dido,
a noi venendo per l’aere maligno,
sì forte fu l’affettuoso grido. 87

«O animal grazioso e benigno
che visitando vai per l’aere perso
noi che tignemmo il mondo di sanguigno, 90

se fosse amico il re de l’universo,
noi pregheremmo lui de la tua pace,
poi c’hai pietà del nostro mal perverso. 93

Di quel che udire e che parlar vi piace,
noi udiremo e parleremo a voi,
mentre che ’l vento, come fa, ci tace. 96

Siede la terra dove nata fui
su la marina dove ’l Po discende
per aver pace co’ seguaci sui. 99

Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende. 102

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona. 105

Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense».
Queste parole da lor ci fuor porte. 108

Quand’io intesi quell’anime offense,
china’ il viso e tanto il tenni basso,
fin che ’l poeta mi disse: «Che pense?». 111

Quando rispuosi, cominciai: «Oh lasso,
quanti dolci pensier, quanto disio
menò costoro al doloroso passo!». 114

Poi mi rivolsi a loro e parla’ io,
e cominciai: «Francesca, i tuoi martìri
a lagrimar mi fanno tristo e pio. 117

Ma dimmi: al tempo d’i dolci sospiri,
a che e come concedette Amore
che conosceste i dubbiosi disiri?». 120

E quella a me: «Nessun maggior dolore
che ricordarsi del tempo felice
ne la miseria; e ciò sa ’l tuo dottore. 123

Ma s’a conoscer la prima radice
del nostro amor tu hai cotanto affetto,
dirò come colui che piange e dice. 126

Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto. 129

Per più fiate li occhi ci sospinse
quella lettura, e scolorocci il viso;
ma solo un punto fu quel che ci vinse. 132

Quando leggemmo il disiato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso, 135

la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante». 138

Mentre che l’uno spirto questo disse,
l’altro piangea; sì che di pietade
io venni men così com’io morisse.

E caddi come corpo morto cade. 142

Gallery

Caricamento...