Eventi

Torna indietro Ricerca

Le 3 grandi B e oltre: Bach, Beethoven, Brahms, Schubert

Paolo Chiavacci al violino, Alfredo Persichilli al violoncello e Mari Fujino al pianoforte

Venerdì 30 luglio, alla Pieve di Polenta, ore 21.30, Entroterre Festival ospiterà tre artisti straordinari: Paolo Chiavacci al violino, Alfredo Persichilli al violoncello e Mari Fujino al pianoforte.

Il programma:

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)

“Erbarme dich, Mein Gott”

da “Passione secondo S.Matteo” BWV 244

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)

Variazioni in mi bemolle maggiore WoO 46

su 'Bei Männern, welche Liebe fühlen'

per Violoncello e Pianoforte

Johannes Brahms (1833 – 1897)

Sonata n° 1 in Sol maggiore op. 78

per Violino e pianoforte

Vivace ma non troppo

Adagio

Allegro molto moderato

Franz Schubert (1797 – 1828)

“Notturno” in Mi bemolle maggiore D897

Paolo Chiavacci è nato a Firenze ed è primo violino e membro fondatore del Quartetto Fonè; in questa formazione ha vinto nel 1989 il primo premio al Concorso internazionale "G.B. Viotti" di Vercelli; nel Dicembre 91 ha ottenuto il secondo premio al Concorso internazionale per quartetto d'archi "D. Shostakovich" a San Pietroburgo e il premio speciale per la migliore esecuzione dei quartetti di Beeethoven e Sciostakovic; ha tenuto concerti per le maggiori istituzioni concertistiche in Italia (fra le altre Milano La Scala, e Società del Quartetto, Roma S. Cecilia e IUC, Venezia La Fenice, Ravenna Festival, Firenze Amici della Musica, Napoli “A. Scarlatti”) e all’estero: in Svizzera, Austria, Germania, Israele, Francia, Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e Giappone.

Ha effettuato registrazioni per la RAI, l’ORF e la Rete televisiva canadese; ha realizzato CD per la ARK e la Ermitage: fra questi il Quintetto di Schubert eseguito in collaborazione con Franco Rossi e il sestetto “Souvenir de Florence” di Tschaikovskij con Sadao Harada violoncellista del Quartetto di Tokyo e Harald Schoneweg violista del Quartetto Cherubini.

E’ insegnante di musica da camera e violino presso il Conservatorio "B. Maderna" di Cesena, del quale è stato Direttore negli ultimi sei anni e attualmente vicedirettore; ha tenuti corsi di perfezionamento in Italia e masterclasses in Giappone ( Osaka, Tokyo, Fukuoka); è stato assistente del Quartetto di Tokyo all’Università di Yale in Connecticut (USA), dove il Quartetto Fonè è stato per quattro anni quartet in Residence.

Si esibisce regolarmente in duo con Piernarciso Masi; ha collaborato più volte in varie formazioni da camera con Mario Brunello, Andrea Lucchesini, Alexander Lonquich, Pietro De Maria, Carlo Bruno, Franco Rossi, Enrico Dindo, Danilo Rossi, Dino Asciolla, Anthony Pay, Hans Joerg Schellenberger, P. Lukas Graf, …

Collabora con diverse orchestre in qualità di spalla e solista (Orchestra Città di Ferrara, Camerata strumentale di Prato, Orchestra Promusica Toscana, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Regionale Toscana, Orchestra Maderna di Forlì, Orchestra d’Archi Italiana di Mario Brunello).



Alfredo Persichilli è Primo violoncello del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, si è diplomato con lode a diciassette anni al Conservatorio di Santa Cecilia sotto la guida di George Schultis, perfezionandosi con Franco Maggio Ormezowski presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e, successivamente, con Thomas Demenga alla Musik Akademie di Basilea, ottenendo il Solisten Diplom. Ha eseguito come solista i più importanti concerti del repertorio violoncellistico: il Concerto di Schumann alla Tonhalle di Zurigo, Basilea, Lucerna, il Concerto di Haydn a Budapest presso la Ferenc Liszt Academy con la Budapest String Orchestra, in diretta radiofonica; le Variazioni Rococò di Čaikovskij a Basilea e con la Filarmonica di Kiev, il Concerto di Dvořák a Roma, il Doppio Concerto per violino e violoncello di Brahms a Roma, Zurigo e Rostov (Russia), dove ha tenuto anche una masterclass sulle Suites di Bach al Conservatorio Rachmaninov. Recentemente è stato invitato a eseguire le Suitesdi Bach e di Reger ai “Bach-Reger Tage” di Eisenach. Ha registrato l’integrale dei trii per archi di Schubert e Webern insieme a quelli di Schiinberg, Petrassi e Reger. E’ stato interprete di numerose composizioni contemporanee, classiche e d’avanguardia (Petrassi, Sciarrino, Lombardi, Boccadoro, Holliger, Giovanni Sollima). Tra queste, alcune sono state espressamente dedicate a lui: Le quattro maschere di Dioniso per violoncello e orchestra di Carlo Galante (prima esecuzione assoluta con i Virtuosi della Scala), il Trio per archi di Rudolf Kelterborn, il Concerto per violoncello e orchestra di Wolfgang Marschner. Insieme al Beethoven Quartett, ha eseguito a Dresda e nelle principali città della Germania il ciclo degli ultimi quartetti per archi di Beethoven. Suona regolarmente nelle più importanti società concertistiche collaborando con musicisti quali Andràs Schiff, Anne Sophie Mut¬ter, Miklos Pereniy, Heinz Holliger, Wolfram Christ, Bruno Giuranna.


Mari Fujino è nata a Ishikawa in Giappone, dove a tre anni inizia lo studio del pianoforte con i Maestri R.Kinukawa e J.Yachie.

Nel 1998 si è diplomata a Tokyo presso l'Università della Musica "TO-HO" sotto la guida del M° Izumi Komoriya, e nello stesso anno si trasferisce in Italia. Nel 2002 si è diplomata presso il Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore, sotto la guida del M° Carlo Mazzoli. Nel 2003 si è diplomata al corso triennale di Musica da camera dell'Accademia Pianistica Internazionale di Imola sotto la guida del M° Pier Narciso Masi. Ha seguito inoltre seminari di perfezionamento di pianoforte tenuti dai pianisti Arnaldo Cohen, Tomislav Bainov, Karl-Heinz Kämmerling, e si perfeziona con il M° Pier Narciso Masi e il M° Massimo Neri.

E' stata premiata in diversi concorsi nazionali ed internazionali, sia nella categoria per solista che in quella per musica da camera.

Ha un'intensa attività concertistica, sia come solista, sia in varie formazioni cameristiche, oltre che in collaborazione con vari strumentisti e con cantanti. Nel 2001 ha suonato il Quarto Concerto di Beethoven come solista con l'orchestra del Teatro Comunale di Bologna, in un concerto destinato ai migliori allievi promosso e organizzato dal Conservatorio di Bologna "G.B. Martini"e nel 2006 il Concerto Triplo di Beethoven, op. 56, con l'orchestra Amilcare Zanella di Piacenza. Ha suonato in prestigiose stagioni concertistiche quali il festival Prometeo ( con l'omonimo Quartetto ), il Festival di Portogruaro, il Festival Chamber Music di Mantova, il Festival "la folle Journeé" in Giappone. All’attività concertistica ha alternato quella di pianista accompagnatrice in masterclass e corsi musicali in Italia, negli Stati Uniti, in Spagna, in Svizzera e in Belgio tenuti da docenti di fama internazionale.

Collabora stabilmente con l'Orchestra Haydn di Bolzano e svolge attività didattiche nei corsi biennali sperimentali di alta formazione tenuti presso gli Istituti Superiori di Studi musicali "Vecchi-"Tonelli" di Modena, “Peri" di Reggio Emilia e “Maderna” di Cesena e nei corsi di violino e violoncello della Scuola di perfezionamento musicale Santa Cecilia di Portogruaro.

Ingresso gratuito

Caricamento...